MGL Teatro Comunale di Lubiana – Jazz, 15. 04. alle 18:00 – Regalo

10,00 

Nejc Gazvoda

Il balcone di una villa di lusso dove si tiene una festa in maschera. La sera. Le stelle. La musica. Lo champagne. Un uomo e una donna si incontrano sul balcone, entrambi vestiti con costumi da uccello. Lei ha poco più di trent’anni, lui è sulla quarantina. È un pianista che ha appena smesso di esibirsi alla festa. Lei è… non lo sappiamo ancora con certezza. Si impegnano in una conversazione. Alla fine della serata – durante la quale scoprono cose l’uno dell’altro e fanno una fragile conoscenza che ha il sapore di una calda vicinanza umana (presumibilmente, se si può provare qualcosa del genere per un perfetto sconosciuto in una sola serata) – decidono di incontrarsi sullo stesso balcone tra un anno. E per molti anni a venire. Il loro rapporto si approfondisce e i fatti della loro vita vengono gradualmente rivelati. Indossando ogni anno un costume diverso, senza conoscere il nome dell’altro, l’uomo e la donna svolgono un ruolo importante nella vita dell’altro. Allo stesso modo, il giorno della festa e il loro incontro lasciano un segno, anche se le loro strade si separano per i 364 giorni successivi… Quale anno sarà il loro ultimo?

Nejc Gazvoda è un drammaturgo e regista, uno dei collaboratori abituali del Teatro Comunale di Lubiana. Nel 2018 e nel 2019, il suo dramma familiare Silent Breath ha vinto diversi premi ed è stato un grande successo di pubblico. Il suo nuovo spettacolo Jazz è fluido, scorrevole, bello e triste, amaro e dolce come la vita stessa.

Team di produzione

  • Direttore – Nejc Gazvoda
  • Drammaturgo dello spettacolo – Eva Mahkovic
  • Scenografo – Darjan Mihajlović Cerar
  • Costumista – Katarina Šavs
  • Compositore – Igor Matković
  • Consulente linguistico – Martin Vrtačnik
  • Progettista luci – Boštjan Kos
  • Designer del suono – Matija Zajc

Il getto

  • Ajda Smrekar
  • Sebastian Cavazza

Squadra

  • Direttore di scena – Jani Fister
  • Prompter – Lejla Žorž
  • Direttore tecnico – Janez Koleša
  • Caposquadra – Matej Sinjur
  • Capo dei coordinatori tecnici – Branko Tica e Boris Britovšek
  • Maestri del suono e del video – Gašper Zidanič e Matija Zajc
  • Maestri dell’illuminazione: Boštjan Kos, Janez Vencelj e Bogdan Pirjevec.
  • Parrucchiera – Anja Blagonja
  • Guardarobiera – Angelina Karimović
  • Amanti della proprietà – le amanti Brina Šenekar e Erika Ivanušič
  • La scenografia è stata realizzata sotto la supervisione del maestro Vlado Janc e i costumi sotto la supervisione delle maestre Irena Tomažin e Branka Spruk negli atelier del Teatro Comunale di Lubiana.

Informazioni sul Teatro Comunale "MGL" di Lubiana

È stato fondato nel 1949 come secondo teatro di prosa di Lubiana. È iniziato con il lavoro su un modesto, piccolo palcoscenico con un gruppo di attori impegnati e studenti dell’Accademia di Teatro. Nel corso del tempo, si è trasformato in un teatro moderno con 35 attori fissi e oltre 40 ospiti. È finanziato da tre fonti: il Ministero della Cultura della Slovenia, la Città di Lubiana e le proprie entrate.

MGL ha quasi 70 anni di storia professionale ed è il secondo teatro più grande della Slovenia con oltre 100 dipendenti. Ogni stagione, l’ensemble si esibisce in circa 400 spettacoli davanti a un totale di 100.000 spettatori. Il teatro prepara una media di 12 prime all’anno.

L’attuale orientamento del repertorio di MGL offre al pubblico un dialogo vivace, polemico e attuale con il mondo contemporaneo e la vita quotidiana. La gamma di testi e temi segue la nuova drammaturgia, i pezzi classici sono raramente inclusi nel programma MGL, tranne nei casi in cui gli autori offrono una lettura attuale e un confronto acuto ed emozionante. Attraverso i propri progetti e un gran numero di coproduzioni, MGL offre diversi generi e alimenta diversi principi performativi, corrispondenti alle espressioni del mondo circostante.

Il numero record di visitatori che assistono alle rappresentazioni MGL ogni stagione obbliga i creatori del repertorio a prendere decisioni su contenuti ampiamente composti e comunicativi. Ma proprio queste caratteristiche – coinvolgimento appassionato, intensità, esigenzialità, criticità… – a nostro avviso sono (o possono essere) motori di eventi scenici di qualità. Riteniamo che una serie di contenuti selezionati del repertorio MGL siano lo specchio di molte immagini diverse dell’Europa di inizio secolo.

mgl.si